Un investimento da 100 milioni di dollari per rimodellare l’economia del web

Un investimento da 100 milioni di dollari per rimodellare l’economia del web

AVVERTENZA

Questo post è il frutto di una mia personale rilettura, traduzione e riadattamento del post originale di Mozilla scritto il 16 Settembre su Mozilla Foundation ed intitolato A $100 Million Investment to Reshape the Economics of the Web.

Coil, Mozilla e Creative Commons hanno contribuito a lanciare Grant for the Web, un’iniziativa molto ambiziosa, che permetterà di potenziare i singoli creatori di contenuti e, quindi, proporre un modello alternativo di creazione di contenuti online.

Per i creatori di contenuti online infatti, vi sono una serie di sfide: dalle piattaforme sempre più onnipotenti, ai modelli di business dove ciò che viene premiato sono soltanto i clic e non la qualità.

Ecco perché, oggi, Coil, Mozilla e Creative Commons stanno lanciando un grande progetto, finanziato e guidato da loro, per provare a rimodellare l’economia del web: Grant for the Web, un fondo da 100 milioni di dollari per dare supporto ai singoli creatori di contenuti. 

Grant for the Web consentirà anche agli utenti medi di supportare direttamente i contenuti e i creatori che apprezzano e che per loro sono insostituibili.

Cosa è, nello specifico, Grant for the Web?

Come abbiamo detto è un fondo premiante, che utilizza la tecnologia aperta, e finanzia in modo diretto la promozione di business online alternativi, per avere contenuti sempre più di qualità e una rete sempre più sana.

Come funziona Grant for the Web nello specifico?

  • Nel corso di cinque anni Grant for the Web erogherà 100 milioni di dollari a creatori, progetti e comunità globali che contribuiscono a ristrutturare un ecosistema di monetizzazione web incentrato sulla privacy, aperto e accessibile a tutti.
  • Grant for the Web creerà spazio per far fiorire nuove idee e collaborazioni. Verranno premiati progetti che daranno ai creatori di contenuti la libertà di abbandonare la pubblicità e il data mining, e le applicazioni che utilizzano lo standard di monetizzazione Web per creare nuove funzioni nei pagamenti online.
  • I vincitori saranno approvati da un Consiglio Consultivo inizialmente composto da rappresentanti di Coil, Mozilla e Creative Commons. Gli importi dei premi varieranno a seconda dell’ambito del progetto
  • Particolare attenzione verrà data ai creatori che promuovono il bene comune, che aumentano l’autonomia, la privacy ed il controllo degli utenti sui propri dati, che promuovono la diversità e l’inclusione su Internet che e aumentano la fruizione di contenuti, sia per le comunità che per gli individui che sono stati storicamente emarginati, svantaggiati o che semplicemente credono di non avere alcuna potenzialità.
  • Il programma si impegna a assegnare almeno il 50% di tutti i fondi in denaro ai creatori di software Open Source e contenuti accessibili a tutti.

Mark Surman, Direttore Esecutivo di Mozilla Foundation, ci tiene a precisare:

‘La ricchezza e la diversità del Web provengono dai ogni suo singolo creatori di contenuti: scrittori, programmatori, musicisti, podcaster, creatori di applicazioni, giornalisti.
Nell’attuale ecosistema web, purtroppo però, le grandi piattaforme spingono verso una pubblicità invasiva e mirata creando perciò le regole sulle quale fanno profitti e spingendo in questo caso i consumatori a rinunciare alla propria privacy inconsapevolmente durante la propria navigazione.
Il nostro obiettivo è di sostenere, grazie a Grant for the Web, una nuova visione del futuro in modo che i creatori e i consumatori possano crescere.”

Quali sono gli obiettivi di Grant for the Web?

    • Consentire ai creatori di essere pagati direttamente per il loro lavoro e, a loro volta, ampliare la partecipazione sul web provando ad includere gruppi di persone che hanno storicamente poco o per nulla accesso alla rete.
    • Proteggere la privacy dei consumatori, creando alternative per la monetizzazione del lavoro fatto sul web, che non dipendano dalla raccolta di dati, come può essere la cronologia di navigazione.
    • Ridurre i costi amministrativi per la ricezione dei pagamenti per i contenuti creati in rete, creando un ecosistema di pagamento aperto che consenta la concorrenza ma in modo appropriato.
    • Incentivare l’innovazione in rete rendendo possibile il pagamento di contenuti che non sono attualmente monetizzati o monetizzati a tassi molto bassi.
  • Investire nella creazione di contenuti aperti e software open source.
  • Offrire ai creatori ed ai consumatori la possibilità di utilizzare qualsiasi valuta eliminando tutte le costrizioni che li obbligano ad avere multipli account per i pagamenti.

Come abbiamo già detto, Grant for the Web, un progetto che provvede ad integrare il lavoro di Mozilla affinchè Internet resti una risorsa pubblica globale, è finanziato da Coil, ed ha Mozilla e Creative Commons come cofondatori.

All’interno del 2019 Internet Health Report (dal titolo evocativo Spotlight: Rethinking digital ads), Mozilla ha scandagliato l’attuale ecosistema della pubblicità online, ha cercato e trovato soluzioni: ‘Quello che davvero oggi bisognerebbe ripensare è l’idea che la pubblicità digitale, gli annunci pubblicitari possano essere efficaci solo e soltanto quando mirati e quando le aziende sono a conoscenza di tutto di tutti’. In contemporanea, importanti Mozilla Fellows come Dave Gehring stanno facendo ricerche sull’economia dell’editoria online. E c’è anche un  grandissimo lavoro della advocacy della Foundation Mozilla che combatte per una rete libera da disinformazione ed invasione della privacy.

TI ha interessato ciò che hai letto?

Scrivimi e sarai ricontattato quanto prima.

Make an Appointment

for any inquiry

Contattami